Attività di storytelling svolta su Facebook per pasta Delverde

Da un fatto realmente accaduto prende vita la favola di Maja, progetto di storyteling raccontato a puntate su Facebook.

dv_maia_1

L’attività di storytelling svolta su Facebook per pasta Delverde ha ottenuto 12.229 visualizzazioni – 340 like – 19 commenti – 62 condivisioni – 542 clic sui post, per un totale di 14 puntate.

Per narrare la marca occorre suscitare identificazioni che possano essere utilizzate dal lettore per suscitare il proprio sé e attuare un meccanismo di identificazione con la marca stessa.

dv_maia_s_1
dv_maia_s_2

Gli utenti non vogliono solo guardare le immagini, ma anche usarle: commentando e condividendo i contenuti più divertenti o che possono contribuire meglio alla definizione di sé. Per l’azienda ciò significa non proporre contenuti autoreferenziali (per esempio foto dei prodotti) ma anche di altro tipo, purché coerenti con l’immagine di brand. A tal proposito lo schema di una narrazione prevede 4 punti:

1 > Le favole insegnano
2 > Partire dalle emozioni
3 > Esprimere messaggi semplici
4 > Favorire la condivisione

dv_maia_4
dv_maia_3

Lo schema del racconto: il percorso di superamento di prove attraverso cui il protagonista raggiunge un risultato. La narrazione al livello più astratto presenta quattro macro fasi:

1 > Manipolazione. Momento iniziale della narrazione, motore principe. Un soggetto (o l’eroe stesso) manipola, convince, persuade, l’eroe che ha una mancanza. La manipolazione può avvenire secondo il volere o il dovere (questa differenziazione è importante, perché spesso dobbiamo fare cose anche se non vogliamo).

2 > Competenza. L’eroe si dota del sapere e del potere. E’ la fase in cui l’eroe allena il suo fisico o la mente (o entrambe) e si dota della capacità utili ad acquisire un saper fare o un poter fare. Importante porre l’attenzione sul fare perché è il punto di climax della narrazione

3 > Performanza.
Momento in cui l’eroe compie l’atto fondamentale per la risoluzione della sua mancanza. Momento di massima tensione (ovvero culmine dell’azione) della narrazione. Qui si dimostra se le abilità acquisite sono sufficienti per il raggiungimento dello scopo.

dv_maia_s_3

4 > Sanzione. Momento conclusivo dove un soggetto o (l’eroe stesso) premia l’operato dell’eroe. La sanzione può essere anche negativa se le aspettative non vengono rispettate.

Clicca per scoprire i post relativi all’attività di storytelling sulle pagine Facebook di pasta Delverde nelle community Italia, Canada e Usa.

dv_maia_2